6 giorni di Vulcanologia sul terreno: report del field-trip a Lipari e Vulcano

Image

a cura di Federico Lucchi, Gianfilippo De Astis, Eugenio Nicotra, Claudio Tranne


Nell’ambito delle sue attività, l'AIV (Associazione Italiana di Vulcanologia), con il patrocinio di IAVCEI e INGV, ha organizzato un fieldtrip geologico nelle isole di Lipari e Vulcano (Isole Eolie) dedicato a studenti di laurea magistrale, studenti laureati e dottorandi. Il fieldtrip ha avuto sede sull’isola di Lipari e si è svolto interamente tramite escursioni di terreno mirate all’analisi di litofacies di depositi piroclastici e lave riferibili alle eruzioni effusive ed esplosive di medio-bassa intensità di magmi intermedi e acidi della storia eruttiva recente dei complessi vulcanici di Lipari e Vulcano. Il fieldtrip si è posto l’obiettivo di incrementare la conoscenza dei sistemi eruttivi di vulcani intermedio-silicici caratterizzati da rapide transizioni tra attività effusiva ed esplosiva, la cui importanza è aumentata notevolmente negli ultimi anni a seguito di recenti crisi eruttive. Il fieldtrip è stato organizzato Federico Lucchi e Claudio Tranne (Università di Bologna), Gianfilippo De Astis (INGV Roma) e Eugenio Nicotra (Università della Calabria), ed ha visto anche la partecipazione del Presidente AIV Marco Viccaro e del Segretario IAVCEI Roberto Sulpizio.

Image

Durante le varie escursioni, sia a terra che via mare, sono state investigate: a) le caratteristiche principali di depositi riconducibili a differenti meccanismi di trasporto e deposizione (da processi di caduta a correnti piroclastiche e lahar), e b) differenti tipologie di corpi lavici, ed i processi magmatici/eruttivi che possono essere ricostruiti tramite lo studio di tali depositi, fornendo le basi del metodo di descrizione ed interpretazione dei depositi vulcanici. Nella prima giornata sono stati studiati i prodotti eruttivi dell’attività olocenica del complesso vulcanico di Lipari, affioranti nel suo settore NE, con specifico riferimento ai centri eruttivi di Monte Pilato, Fossa delle Rocche Rosse e Lami di età medioevale. Particolare attenzione è stata posta alla investigazione del cono di pomici di Monte Pilato e della colata ossidianacea di Rocche Rosse, ben noti a scala mondiale come esempi di attività esplosiva ed effusiva di magmi riolitici. La seconda giornata è stata spesa interamente nel settore meridionale di Lipari dove affiorano le successioni piroclastiche pomicee ed i duomi endogeni riferibili a diversi cicli eruttivi di età da 42 a 20 ka, rappresentativi delle prime manifestazioni di magmatismo riolitico sull’isola. Nella giornata successiva una escursione via mare ha consentito di osservare la maggior parte dei rapporti stratigrafici tra i prodotti eruttati durante gran parte della storia eruttiva di Lipari, osservando anche da altri punti di vista le caratteristiche descritte nelle escursioni precedenti. Infine, l’ultima giornata è stata interamente dedicata allo studio dei depositi vulcanici relativi al cono di La Fossa di Vulcano, con particolare attenzione alle litofacies specifiche dei prodotti piroclastici dell’eruzione del 1888-90 e delle eruzioni di età medioevale.


Al fieldtrip hanno partecipato 36 studenti universitari iscritti a corsi di laurea triennali e magistrali in discipline geologiche o affini e dottorandi di diverse università italiane (Catania, Palermo, Napoli, Bari, Roma 3, Roma Sapienza, Firenze, Pisa, Milano Bicocca, Milano Statale). Il numero dei partecipanti è stato definito anche sulla base di motivazioni logistiche di sistemazione negli alloggi in relazione alle norme di comportamento per il contrasto ed il contenimento del virus SARS-CoV-2 e nei trasferimenti interni, oltre che per consentire una adeguata discussione sul terreno e fruizione degli affioramenti. Per queste motivazioni non è stato possibile accogliere un numero consistente di altri studenti di università italiane e dottorandi e/o studenti di università straniere, il che ha dimostrato quanto sia forte la spinta propulsiva verso le attività di terreno e l’interesse verso i temi di vulcanologia trattati durante il fieldtrip e da AIV. I partecipanti al fieldtrip hanno fornito un entusiastico riscontro in termini di partecipazione alle attività ed interesse verso gli argomenti trattati, anche coadiuvati dal clima informale di condivisione e apertura alla discussione da parte dei docenti responsabili. Ai partecipanti verrò rilasciato un attestato di frequenza da utilizzare per l'ottenimento di un numero di crediti pertinente presso i rispettivi Corsi di Laurea o Collegi di Dottorato.


Stampa   Email